This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Out of these cookies, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. These cookies will be stored in your browser only with your consent. You also have the option to opt-out of these cookies. But opting out of some of these cookies may have an effect on your browsing experience.
Colour Cupping Therapy - KIT  Large (solo coppette)

Colour Cupping Therapy - KIT Large (solo coppette)

Pistola per aspirazione - Colour Cupping Therapy

Pistola per aspirazione - Colour Cupping Therapy

Barbiero A. - PUNTI DOLOROSI

SKU
CL01
In stock
Special Price €45.60 was €48.00
+

Description

Neuro- riflessoterapia personalizzata

Come curare le malattie attraverso i sintomi

I punti dolorosi (PD) rappresentano un solido ponte fra la medicina classica e l'agopuntura e concretizzano il massimo livello di semplificazione, personalizzazione ed efficacia riflessa. Alla base del Metodo PD c'è la scoperta che nei tessuti molli, al centro di qualsiasi sensazione patologica, esiste almeno un punto doloroso, una piccola area di infiammazione dolorosa. Lo stimolo riflessogeno applicato sui PD entra necessariamente nel circuito neurologico riflesso principale della malattia e provoca la massima risposta riflessa, che è ottenibile, fra l'altro, in tempo reale. Tali punti sono variabili e sempre indicati dal paziente. L'esistenza dei PD e l'efficacia del loro uso sono stati oggettivati mediante ecografia, RMN con gadolinio e statistiche su migliaia di casi. Il loro meccanismo d'azione è neurologico-riflesso e coinvolge tutto il sistema PNEI di cui fanno parte integrante. I PD permettono di curare patologie osteo-muscolo-articolari, organo-viscerali, neuro-compressive, reumatologiche e autoimmuni, con massimi risultati nelle cefalee, lombosciatalgie, artrosi e patologie emozionali.

 

ed 2013 - pag 335